La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Con la pubblicazione del bando ordinario viene sancita la fase di rilancio del Servizio Civile Nazionale. “Finalmente - ha dichiarato il ministro Poletti- non si parla più di quello che potremo fare per il futuro; dopo anni di ridimensionamento possiamo affermare che oggi il Servizio Civile Nazionale è su una rampa di lancio per raggiungere obiettivi che mai erano stati raggiunti”.

 

Dei circa 36.000 in programma, per il 2015, sono al via i primi 29.972 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale. Di questi, 11.179 giovani saranno impiegati nei progetti presentati dagli enti iscritti negli Albi regionali e delle provincie autonome, 18.793 volontari (di cui 680 all'estero e 4 per progetto autofinanziato Ministero Interno – F.E.C.) in progetti presentati dagli enti inseriti nell'Albo nazionale.

“Nei bandi – precisa il sottosegretario Bobba - sono inseriti 1.706 progetti approvati dalle Regioni e province autonome e 1.362 progetti approvati dal Dipartimento, per un totale di 3.068 progetti. Giova sottolineare come il rilevante sforzo organizzativo dell’intero sistema del servizio civile nazionale abbia prodotto un apprezzabile innalzamento della qualità dei progetti. Di ciò va dato indubbiamente atto anche agli enti accreditati, parte assai fondamentale nell’intero sistema.”

“L’impegno del Governo volto a rafforzare il servizio civile nazionale quale leva fondamentale per il coinvolgimento dei giovani volontari in progetti di solidarietà, si è mantenuto costante sin dall’inizio della legislatura e in meno di un anno possiamo vantare risultati eccellenti. ”Entro i prossimi mesi - continua il Sottosegretario Bobba – saranno pubblicati bandi di servizio civile nazionale per ulteriori 6.000 posti, a cominciare dai circa 1.000 previsti dal bando straordinario per i ciechi e grandi invalidi civili il cui bando progetti è scaduto proprio ieri. Per i restanti 5.000 sono in corso i contatti per le necessarie intese con le regioni.“ Desidero, altresì, evidenziare l’ottimo lavoro svolto dal Dipartimento in termini di risultati gestionali” - dice Bobba – “che ha portato ad una riduzione di circa il 40% delle spese di funzionamento rispetto alla previsione iniziale; ciò a fronte di maggiori iniziative e attività quali i bandi di Garanzia Giovani, il bando per l’Expo, gli accordi stipulati con amministrazioni centrali fra cui Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Ministero dell’Interno, Autorità anticorruzione, Ministero dell’Ambiente,il progetto europeo IVO4all e il partenariato con la Francia.”

Alla selezione potranno partecipare ragazze e ragazzi tra i 18 e i 28 anni interessati ad un'esperienza di cittadinanza attiva nei settori dell'assistenza, della protezione civile e dell'ambiente, del patrimonio artistico e culturale, dell'educazione e promozione culturale.

La presentazione della domanda di selezione, che andrà inviata direttamente agli Enti che propongono i progetti, dovrà essere effettuata entro le ore 14.00 del 16 aprile 2015. E’ possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progettodi servizio civile nazionale, da scegliere tra quelli inseriti nel bando nazionale o nei bandi regionali e delle provincie autonome, pena l'esclusione dalla selezione.