La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Turchia ha bisogno di un nuovo modello economico che metta al centro la trasformazione tecnologica, la partecipazione delle donne al mondo del lavoro e l'aumento dell'imprese, ha affermato il rappresentante dell'Unione delle Camere di Commercio (TOBB) Hisarcıklıoğlu all'11º vertice dell'Associazione dei

Giornalisti Economici (EGD). Nel suo discorso, egli ha osservato che la Turchia è in ritardo rispetto a molti paesi emergenti nella produzione di alte tecnologie.
E 'tempo di fare nuove riforme. La Turchia ha bisogno di distinguersi in una area geografica coinvolta in una serie di difficili circostanze ... Ha bisogno di riforme educative, legali e amministrative complete , ha detto.
Il rappresentante della TOBB ha anche affrontato la disparità di reddito tra le regioni in Turchia come un problema enorme dell'economia turca. A tal fine, un hub per la produzione di alte tecnologie deve essere creato in una zona al di fuori della regione di Marmara, la pıu' ricca del paese, ha detto Hisarcıklıoğlu. Non dobbiamo aspettare che il flusso di investimenti verso le regioni orientali e del sud-est arrivino solo dal settore pubblico ... Il ruolo dello Stato deve essere quello di costruire le infrastrutture necessarie per attirare il settore privato in queste regioni, ha inoltre aggiunto.
Il governo turco prevede di raggiungere circa 13.000 $ di reddito pro capite entro il 2020 con una crescita media annua di circa il 3%. Tuttavia, Hisarcıklıoğlu ha suggerito che se una nuova strada verra' intrapresa per l'economia turca, attraverso riforme, queste cifre potrebbero arrivare a 17 mila dollari e a circa il 7% di crescita.
Ha osservato che i segnali di crescita non sono stati forti nel primo trimestre del 2015 e le esportazioni nette non hanno dato un grande contributo alla crescita.
Ma la Turchia continua a crescere. La disoccupazione è ancora un problema, ma il settore privato ha creato 1,1 milioni di nuovi posti di lavoro nel 2014. Questo dato è veramente buono'' Hisarcıklıoğlu ha detto.  (ICE ISTANBUL)