La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Nel prossimo mese di giugno sarà consegnato il nuovo ponte a tiranti sul fiume Bouregreg, nella regione di Rabat, capitale del Regno del Marocco. Il ponte, realizzato dall'azienda cinese Covec - Mbec, è lungo950 metri ed è sostenuto da due piloni dell'altezza di200 metri, la cui forma si ispira alla tradizione architettonica marocchina.

L'opera, dal costo complessivo di circa 66 milioni di euro, è stata parzialmente finanziata dalla Banca Europea degli Investimenti, mentre le restanti risorse sono state messe a disposizione dalla ADM, società delle autostrade del Marocco. Il ponte ha richiesto l'utilizzo di 60 mila metri cubi di cemento, di cui 16 mila per ciascun pilone e 11 mila per il piano autostradale. L'acciaio utilizzato è stato pari a quasi 17 mila tonnellate, di cui 13 mila per il cemento armato. Tale opera ha richiesto il lavoro di oltre 200 persone, di cui 60 di nazionalità cinese, durante i 50 mesi di costruzione. Il ponte a tiranti, presentato come il piu' grande d'Africa, si inserisce nel progetto della tangenziale di Rabat - Salè della lunghezza di 41,5 chilometri, in continuità con l'asse autostradale che collega la capitale amministrativa del Marocco con quella economica (Casablanca). Il ponte disporrà di 3 corsie per senso di marcia e sarà sostenuto da 40 coppie di cavi, distanziate di 8 metri l'una dall'altra. Le previsioni di traffico sul ponte, diramate da ADM, stimano il passaggio di 20 mila vetture al giorno.  (ICE CASABLANCA)