La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La nota agenzia di rating finanziario Fitch ha nei giorni scorsi confermato la propria valutazione dei titoli pubblici emessi dal Marocco. Nello specifico, i titoli a lungo termine emessi in valuta estera hanno conservato il BBB-, mentre quelli denominati in valuta locale (dirham) hanno un rating BBB, ambedue con prospettiva stabile.

Simili valutazioni erano state diramate nelle scorse settimane da un'altra nota agenzia Standard & Poor's. La conferma del rating del debito pubblico marocchino è da attribuirsi prevalentemente alla stabilità macroeconomica e politica del Paese, che ha favorito l'afflusso di investimenti esteri e l'attuazione di un piano di riforme strutturali, soprattutto in ambito finanziario. Fitch prevede che il deficit di bilancio marocchino si attesterà a fine 2015 al 4,3 % del PIL, in miglioramento rispetto al 4,9 % del 2014, mentre il debito pubblico è previsto in costante diminuzione dal 49,2 % sul PIL nel 2014 al 43 % stimato entro il 2018. Anche il saldo di bilancia commerciale del Marocco è previsto in miglioramento, grazie all'azione combinata della flessione dei corsi internazionali degli idrocarburi e dell'aumento delle esportazioni industriali. Fitch prevede che il PIL del Marocco aumenterà del 4,3 % nel 2015, con una lieve differenza rispetto a quanto indicato da Standard & Poor's (+ 4,4%). (ICE CASABLANCA)