La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La costruzione del gasdotto Trans Adriatic Pipeline (TAP) procede secondo i piani. Il 40% delle tubazioni sono state installate in Grecia e in Albania, ovvero 303 km dei 765 km totali. In Albania sono stati installati 113 km di tubi (altri 100 km sono ancora da saldare) e attualmente sono impegnati più di 2.800 lavoratori,

84% dei quali albanesi.
Si prevedere che per la fine dell’anno sarà completato il 50% del progetto. Le analisi per la sezione marittima inizieranno nel aprile del 2018 e l’avvio dei lavori per l’estensione della condotta offshore e previsto verso la fine del prossimo anno, in base all’ottenimento di tutte le autorizzazioni necessarie.
Il valore dell’investimento del progetto TAP e calcolato in circa 4.5 miliardi di euro ed è parte del Corridoio Sud del Gas, priorità dell’UE. Secondo la strategia della Commissione Europea ogni paese membro deve avere accesso ad almeno tre fonti diverse per il gas e la fornitura dal Mar Caspico e considerato una buona alternativa.  (ICE Tirana)