La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo il Rapporto annuale della Capital Markets Authority (CMA), nel 2016, le emissioni dei fondi d’investimento locale e straniero sono pari a 1,95 miliardi di dollari. Ciò rappresenta un aumento del 17% rispetto alle sottoscrizioni registrate nel 2015. Il numero dei sottoscrittori è aumentato del 2,9% a più di 9.400 mentre

il numero dei fondi di investimento è sceso del 5% a 490. Le sottoscrizioni nei fondi locali sono aumentate del 7,7 per cento a 1,04 miliardi di dollari. Le sottoscrizioni in fondi esteri e in fondi registrati all'estero sono saliti del 29% a 902,1 milioni di dollari.
Su 23 fondi locali cinque investono localmente e 11 investono in altri paesi del Medio Oriente. Gli investitori locali stanno sempre più diversificando investendo in titoli finanziari.

Secondo Tarek Zebian, direttore di ricerca e comunicazione presso la CMA, l'aumento in valore delle sottoscrizioni è stato il risultato di nuove normative e nuove misure adottate dalla CMA che hanno incoraggiato l'investimento in titoli finanziari. Di conseguenza le banche d'investimento e gli intermediari finanziari dovrebbero assistere ad un aumento delle loro operazioni in futuro.  Infatti  nel novembre del 2016, la Banca Centrale (BDL) ha rilasciato la Circolare Intermedio 437, che richiede alle banche commerciali di svolgere attività di investimento tramite intermediari finanziari e banche d'investimento.  (ICE BEIRUT)