La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Cresce la capacità di sostegno alla domanda di credito delle Pmi influenzata ancora dall’andamento del ciclo economico: tra ottobre 2013 e giugno 2017 sono state accolte 21.535 domande di finanziamento per un controvalore erogato di 6,3 miliardi di euro su un plafond complessivo di 10 miliardi, destinato alle Pmi in

bonis che intendano effettuare investimenti in beni materiali e immateriali strumentali all’attività di impresa.  Lo rende noto l’ABI nell’ambito dell’iniziativa Imprese in sviluppo finalizzata a favorire la crescita degli investimenti delle Pmi e rinnovata con l’Accordo per il Credito 2015 tra l’ABI e tutte le altre associazioni d’impresa.

ABI, a seguito della rilevazione aggiornata delle operazioni effettuate, sottolinea che “l’utilizzo delle risorse messe a disposizione è un segnale importante a supporto della ripresa della domanda di credito per investimenti e rilancio economico dell’Italia”.

 

Disaggregando inoltre i dati per tipologia d’impresa emerge che: il 42% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘industria’;  il 28,7% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘commercio e alberghiero’;  il 7,9% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘artigianato’;  il 4,6% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘edilizia e opere pubbliche’; il 3,6% dei finanziamenti è riferito a imprese del settore ‘agricoltura’; il restante 13,2% ad aziende del comparto ‘altri servizi’.