La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La Commissione Europea ha confermato che la Polonia ha soddisfatto le condizioni preliminari per il Piano di Gestione dei Rifiuti e, pertanto, potrà usufruire di 1,3 miliardi di euro nell’ambito del Programma Operativo Infrastrutture e Ambiente.  Il viceministro dell’Ambiente Sławomir Mrożek

ha spiegato che i fondi europei saranno destinati principalmente alla costruzione di nuovi punti di raccolta differenziata per i rifiuti urbani. Il Ministero ha anche indicato i criteri da rispettare per ottenere i finanziamenti: una delle condizioni consiste nell’immediata messa in pratica del sistema di raccolta differenziata tramite l’uso di quattro contenitori (blu per la carta, verde per il vetro, giallo per metalli e plastica e marrone per rifiuti organici).

 

Nei prossimi mesi e' atteso il via libera, sebbene legato a criteri piu' stringenti, il finanziamento  per inceneritori o impianti meccanici di smaltimento dei rifiuti. (ICE VARSAVIA)