La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@BMWItalia @BMW è Partner Ufficiale del @teatroallascala di #Milano per lo speciale Concerto del 7 dicembre… https://t.co/2euw51TwGg
RT @ItalyMFA: "Pronto ed entusiasta di lavorare con l'#Algeria per affrontare le sfide comuni regionali e globali [...]" Buon lavoro a Gio…
5 Accordi per l’innovazione e di sviluppo. Dal @MISE_GOV 61 milioni di euro per progetti in #Campania, #Lombardiahttps://t.co/uSDdxJKcM6
@SACEgroup sostiene l’#automotive che rappresenta il 6,2% del Pil e il 7% dell’occupazione del manifatturiero nazi… https://t.co/2sFHy32Mlf
Andamento del settore #Automotive e trend dell’export. Continua la fase critica https://t.co/takL9c7sni’export-con… https://t.co/fEO34p223o

Ammontano a 500mila euro le risorse che la CdC mette in campo per sostenere ed incentivare la competitività delle imprese operanti nel settore del turismo, supportando in tal modo lo sviluppo e la qualificazione dell’offerta reggiana. L’incidenza della filiera turistica (alloggio, ristorazione, attività delle agenzie di viaggio, tour operator, ecc.)

sull’economia provinciale – che vede decisamente prevalere la vocazione manifatturiera - è pari al 2,4% del valore aggiunto complessivo, cui corrisponde un peso pari al 2,2% sul lavoro dipendente. “Cifre - sottolinea il presidente della CdC di Reggio Emilia, Stefano Landi - ancora contenute, ma in possibile crescita (al pari di altri territori simili) se si sviluppano nuove competenze e nuove reti imprenditoriali in grado di valorizzare meglio le diverse risorse del territorio”.
“Con il nostro rilevante investimento – prosegue Landi – vogliamo allora configurarci tra i promotori di un nuovo sviluppo possibile, esercitando concretamente le nuove responsabilità attribuite alle CdC in campo turistico, puntando al miglioramento dell’offerta e, contemporaneamente, all’inserimento di elementi di innovazione che, in questo comparto, si legano in misura primaria alla professionalità degli operatori e alla capacità di cogliere un’evoluzione della domanda che sempre di più si lega ad un insieme di fattori di attrattività. Proprio per questo – conclude  – i fondi saranno destinati alle imprese del settore turistico che, al momento dell’erogazione risulteranno iscritte al Registro nazionale per l’alternanza scuola-lavoro, rafforzando così la presenza, l’interesse e le competenze dei giovani attraverso  esperienze dirette di lavoro all’interno delle aziende”.
Il bando camerale prevede due differenti misure di intervento. La prima, per un importo di 100mila euro, è destinata a reti d’impresa operanti nel settore turismo; la seconda, sulla quale sono stati stanziati 400.000 euro, prevede la concessione di contributi a favore di imprese “turistiche”.
Le messe a disposizione CdC sono finalizzate a sostenere interventi riconducibili al potenziamento della filiera mediante l’integrazione fra imprese, operatori e professioni di servizio al turismo, allo sviluppo di iniziative e strumenti finalizzati alla creazione di pacchetti turistici innovativi e, ancora, alle attività che migliorino la conoscenza del territorio a fini turistici, favorendo la promozione e la commercializzazione utilizzando anche le nuove tecnologie e, in particolare, i nuovi strumenti di social marketing.
Le domande per accedere ai contributi camerali potranno essere presentate dall’11 settembre al 2 ottobre, esclusivamente in modalità telematica all’interno del sistema Webtelemaco di InfoCamere.