La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@SACEgroup sostiene l’#automotive che rappresenta il 6,2% del Pil e il 7% dell’occupazione del manifatturiero nazi… https://t.co/2sFHy32Mlf
Andamento del settore #Automotive e trend dell’export. Continua la fase critica https://t.co/takL9c7sni’export-con… https://t.co/fEO34p223o
In #GazzettaUfficiale il #decreto per il sostegno alle #startups e #PMI innovative. 200 milioni di euro per incen… https://t.co/vWXndPczKP

Nonostante le difficoltà generali dell’economia russa e la crescente concorrenza da parte dei produttori esteri, che uno ad uno stanno aprendo le proprie fabbriche in Russia, la produzione e la vendita di automobili nel paese mostrano un trend positivo. Per esempio, la produzione di Lada (la grande fabbrica

russa “AvtoVAZ” è stata costruita dalla Fiat nel 1970) non tiene il passo con la crescente domanda. Si osserva una crescita dal luglio dello scorso anno, e a maggio 2017 le vendite hanno registrato un aumento del 22% rispetto all’anno precedente. Nel giugno di quest’anno, le vendite di “AvtoVAZ” in Russia sono cresciute di un ulteriore 23,2%. In totale nel mese di giugno “AvtoVAZ” ha venduto 27.400 vetture. E solo nei primi sei mesi del 2017 in Russia sono state vendute 140.231 mila vetture Lada, ovvero il 12,8% in più rispetto al primo semestre del 2016.

“AvtoVAZ” è tra le maggiori case automobilistiche in Russia. La joint venture tra l’agenzia di stato “Rostech” e Renault-Nissan detiene il 74,51% del capitale sociale. La quota di Renault-Nissan nella joint venture è del 67,13%, quella di “Rostech” del 32,8%.
A giugno 2017 in Russia le vendite totali di auto nuove e di veicoli commerciali leggeri rispetto al corrispondente mese del 2016 sono cresciute del 15% fino a 141.084 autovetture.

La domanda crea l’offerta, e le autorità di Mosca hanno deciso di creare una produzione di componenti auto nuova e moderna sul territorio dell’ex fabbrica di autocarri “ZIL”, dove verranno impiegate più di 10.000 persone, e la superficie totale del nuovo stabilimento sarà pari a 114.000 metri quadrati.
Anche il gruppo “Avtotor”, che si occupa dell’assemblaggio industriale di veicoli a Kaliningrad, ha intenzione di avviare nel 2018 la costruzione di due nuove fabbriche (su quattro). Il volume dell’investimento è pari a 600-650 milioni di euro.
L’azienda “Avtotor”, fondata nel 1994 a Kaliningrad, è stata la prima in Russia ad occuparsi dell’assemblaggio di auto di marchi esteri.
La produzione è iniziata il 16 maggio 1997 e ad oggi ha superato la quota di 1,6 milioni di auto all’anno. “Avtotor” produce 28 modelli di autovetture di marchi BMW, KIA, Hyundai e FAW.  (ICE MOSCA)