La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

#ValleAosta. Nel terzo trimestre il quadro economico ha segnato un graduale miglioramento. @bancaditalia https://t.co/T95wSG0YT9
@bancaitalia . In #Basilicata ricadute economiche dispiegate su tutti i principali settori produttivi https://t.co/8v43q2sIfC
160 aziende bresciane e 22 focus riguardanti i mercati di Paesi provenienti da tutti i contenenti. Questa la… https://t.co/BDlJzkv7Cg

Gli aiuti dell'Unione europea in favore della Tunisia verranno raddoppiati per raggiungere 1,2 miliardi di euro da ora al 2020. Lo ha annunciato il Commissario Ue alla Politica di Vicinato, Johannes Hahn, al termine della sua visita di due giorni a Tunisi durante la quale ha incontrato i massimi rappresentanti

dello stato tunisino e sono stati firmati tra Ue e Tunisia due accordi di cooperazione nel campo della sanità e della modernizzazione dell'amministrazione pubblica con finanziamento a fondo perduto rispettivamente di 73,5 milioni di euro e 20,5 milioni di euro. L'Unione europea, ha osservato Hahn, dopo aver incontrato il presidente del parlamento Mohamed Ennaceur, ritiene che la posizione della Tunisia in Africa le consente di svolgere un ruolo di primo piano nello sviluppo delle relazioni di vicinato e di consolidamento della cooperazione con i paesi della sponda sud del Mediterraneo. Ennaceur ha ringraziato Hahn per il continuo sostegno dell'Ue alla Tunisia, sottolineando che il successo del processo democratico richiede l'impulso dello sviluppo economico e la realizzazione di riforme sociali in grado di soddisfare le aspettative pressanti e legittime dei tunisini. Del resto il commissario Ue ha ribadito con il ministro degli Esteri tunisino, Khemaies Jhinauoi, la necessità di definire una road map per fissare i settori prioritari della cooperazione Ue-Tunisia e di lavorare al rilancio dell'economia tunisina per migliorare il clima degli affari e promuovere l'occupazione.
Hahn ha anche incontrato l'inviato speciale dell'Onu per la Libia, Ghassan Salamè, con il quale ha discusso dell'impegno dell'Ue per quanto riguarda la stabilizzazione della Libia. (ICE TUNISI)