La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il Consiglio dei Ministri della Bosnia Erzegovina ha aderito il 5 settembre 2017 al trattato relativo alla fondazione della comunità dei trasporti tra l'UE e i paesi dell'Europa sud-orientale, come confermato dal Ministro del commercio con l'estero e dei rapporti economici della BiH. Il testo del trattato è stato

approvato anche dalla Presidenza della BiH il 14 settembre 2017 e successivamente sarà sottoposto all'approvazione da parte del Parlamento della BiH.

Durante il Vertice dei Balcani Occidentali 2017, svoltosi a luglio a Trieste, la Bosnia Erzegovina non aveva firmato il Trattato sulla comunità dei Trasporti tra l'UE e i paesi dei Balcani Occidentali, a causa della richiesta di modifica al Trattato effettuata dal governo della Republika Srpska. Con l'ingresso nella comunità dei trasporti, la Bosnia Erzegovina avrà un accesso più facile ai crediti dell'UE per lo sviluppo dell'infrastruttura dei trasporti.

 

La firma di questo trattato permetterà di iniziare la realizzazione di quattro progetti, del valore di 240 milioni di euro, che l'UE finanzia con un contributo di 46,1 milioni di euro: la costruzione del tratto del Corridoio Vc Ponirak-Vraca, ovvero tunnel Zenica (15,9 milioni di euro), del tratto Zenica-Gracanica (11,8 milioni di euro), del tratto Johovac-Rudanka (15,3 milioni di euro) e l'ammodernamento del Porto di Brcko (3,1 milioni di euro).  (ICE SARAJEVO)