La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo gli ultimi dati dell'Istituto nazionale di statistica della Serbia, il commercio estero totale della Serbia nel periodo gennaio-agosto 2017 è stato pari a 22,4 miliardi di euro - un aumento del 13,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Le esportazioni sono aumentate del  13,4%, rispetto

allo stesso periodo dello scorso anno, a 9,89 miliardi di euro, mentre le importazioni sono cresciute del  13,1%, a 12,5 miliardi di euro. Il deficit del commercio estero della Serbia nel mese di agosto del 2017 è stato pari a 2,64 miliardi di euro, un aumento del  11,8% rispetto allo stesso periodo nel 2016.

Il principale cliente dell’export serbo è stata l’Italia (1,34 miliardi di euro), seguita dalla Germania (1,26 miliardi di euro), Bosnia-Erzegovina (780,0 milioni di euro), la Russia (594,4 milioni di euro) e la Romania (504,6milioni di euro).

Il principale fornitore è stata la Germania (1,59 miliardi di euro), seguita dall'Italia (1,26 miliardi di euro), dalla Cina (989,0 milioni di euro), dalla Russia (942,9 milioni di euro),  e dall’Ungheria (585,8 milioni di euro).

La Germania e l'Italia continuano, sostanzialmente appaiate a contendersi la posizione di principale partner commerciale del paese. I paesi membri dell'Unione Europea contano per il 64,3% del commercio estero totale della Serbia. Il secondo gruppo di paesi partners più importante della Serbia è quello dei paesi CEFTA con i quali è stato registrato un surplus commerciale di 1,32 miliardi di dollari, derivante principalmente dalle esportazioni di prodotti agricoli, ferro e acciaio, veicoli stradali, prodotti in metallo e prodotti finiti.

 

I maggiori surplus commerciali sono stati nuovamente registrati nel commercio con il Montenegro, la Bosnia-Erzegovina e la Macedonia, mentre i maggiori disavanzi sono quelli con la Cina e la Russia. (ICE BELGRADO)