La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Da gennaio ad ottobre dell’anno in corso gli investimenti cinesi in Brasile hanno raggiunto i 35,3 miliardi di R$ e le acquisizioni sono state 17 contro le 11 dello scorso anno. Alle acquisizioni si sommano investimenti in nuovi progetti sia da parte di nuove compagnie che pensano di investire per la

prima volta sia da parte di quelle giá stabilite nel Paese. Per il 2018 sono previsti nuovi investimenti da parte di grandi imprese cinesi interessate principalmente ai comparti delle energie rinnovabili, ferrovie, porti, miniere, carta e cellulosa. Operazioni di minore portata sono previste per i settori della salute,  logistica, agrobusiness e telecomunicazioni. Un consorzio di imprese cinesi ad esempio si sta organizzando per partecipare,  nel primo semestre del 2018,   alla gara del Ferrogrão, una ferrovia con 1.142 km di estensione che collegherebbe la regione produttrice di cereali del Centro-Ovest allo stato del Pará per arrivare al porto di Miritituba. La BYD per il settore automotive ed energie rinnovabili sta pianificando nuovi investimenti che andranno ad aggiungersi ai 250 milioni di R$ investiti durante il 2017 per ampliare una impresa e costruirne una nuova. La China Three Gorges,  che giá nel 2016 é divenuta la seconda impresa privata generatrice di energia,  prevede di investire ulteriori 3 miliardi di R$ nei prossimi dieci anni per modernizzare e migliorare l’efficienza delle imprese acquisite.  (ICE SAN PAOLO)