La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo uno studio elaborato dalla societa` di consulenza Baker Mc Kenzie (BM) , nel corso del 2017 il Regno Unito ha accolto 20,8 miliardi di dollari di investimenti cinesi (6 volte di piu` rispetto ad esempio al 2013) risultando al terzo posto al mondo dopo Svizzera (44,6 mld. di $) e USA (28,8 mld. di $) . Olanda e Germania

risultano al 4 e 5 posto (l`Italia e` al settimo posto con un miliardo di dollari). L`affare piu` importante in europa e` stato quello relativo all`acquisizione di Syngenta da parte di Chem-China, seguito da quello di China Investment Corp. nel Regno Unito per un ammontare di 10,7 miliardi di dollari e relativo all`acquisizione della piattaforma logistica Logicor . Una delle motivazioni della crescita degli investimenti cinesi in UK -secondo BM- sarebbe la svalutazione della sterlina che ha reso piu` economiche le acquisizioni estere, ma anche il sostrato giuridico legale britannico ed il posizionamento geografico e geo-strategico dell`isola nel contesto globale. BM evidenzia che in un clima caratterizzato da una generalizzata riduzione degli investimenti cinesi a livello globale, l`europa resta ancora -per i vertici politici ed economici come per le grandi imprese di quel paese - particolarmente interessante in vista della "One Belt One Road". ITA London (ICE LONDRA)