La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Nell'ambito dell’EU External Investment Plan (EIP), che si propone di mobilitare almeno 44 miliardi di € di investimenti per la sostenibilità in Africa e nella regione di vicinato dell'UE entro il 2020, sono previsti investimenti rilevanti per il clima in tre aree specifiche: città sostenibili; energia sostenibile e connettività;

agricoltura sostenibile, imprenditoria rurale e agribusiness. Si prevede che tali aree target genereranno fino a 9 miliardi € di investimenti entro il 2020. L’obiettivo del piano di investimenti esterni dell'UE, incentrato sullo sviluppo sostenibile e la transizione a basse emissioni e resiliente ai cambiamenti climatici, è quello di aumentare gli investimenti tanto necessari in Africa e nella regione di vicinato dell'UE, con benefici multipli: nuovi posti di lavoro, crescita sostenibile, maggiore resilienza agli impatti dei cambiamenti climatici, miglioramento della salute, riduzione della povertà e migliore connettività. L’EIP comprende un nuovo Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile (EFSD) che, attraverso una garanzia, sosterrà gli investimenti delle istituzioni finanziarie pubbliche e del settore privato, mitigando i rischi e facendo leva su finanziamenti aggiuntivi, in particolare da fonti private, nei settori coperti dalle tre aree sopra riportate. Ognuna di esse dovrebbe generare ca. 3 miliardi € di investimenti, con un volume a garanzia compreso tra 200 e 300 milioni € ciascuna. (ICE BRUXELLES)