La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

L'aeroporto Findel (Lussemburgo), anch'esso toccato dal crollo del commercio internazionale dovuto alla crisi finanziaria, si è dimostrato molto dinamico negli ultimi anni ed ha registrato ottimi risultati nel 2017.  A partire dal 2013, infatti, il settore degli aeromobili cargo è tornato a crescere, in termini di volume delle transazioni,

raggiungendo un apice di 938 000 tonnellate nel 2017.Questi dati positivi hanno dato l'input per un ulteriore sviluppo dell'aeroporto di Findel.  Sono stati infatti stanziati 40 milioni di euro per estendere l'aria di stazionamento cargo che al termine del 2018 vanterà quattro posti supplementari.Sono due le ragioni che spiegano la sorprendente performance. Da un lato, l'aumento della domanda mondiale del trasporto merci aereo, stimato dall'AITA a 9% (11,8% su scala europea). Dall'altro, l'abilità del Gran Ducato, e dell'azienda leader Cargolux, nello scegliere partner e settori strategici. Per quel che concerne i partners è da sottolineare la relazione privilegiata di Findel con l'aeroporto cinese di Zhengzhou, mentre Qatar Airways, Atlas Air garde e Emirates SkyCargo risultano le collaborazioni più redditizie in termini di volume merci. L'attività cargo dell'aeroporto lussemburghese è inoltre specializzata in merci, e non solo, che richiedono attrezzature particolari, come prodotti farmaceutici e animali di grandi dimensioni. (ICE BRUXELLES)