La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La situazione macroeconomica del Regno è rimasta relativamente stabile nonostante l'instabilità regionale, l'alta vulnerabilità e altre sfide che minacciano l'economia, Il programma nazionale di riforma del paese e il Piano di crescita economica Giordano 2018-2022, sono componenti chiave per una crescita sostenibile.

Con l’ Extended Fund Facility la Giordania, nel 2016 ha ricevuto 700 milioni di dollari dal  Fondo monetario internazionale (FMI). Il programma nazionale di riforma in cooperazione con il FMI è volto a preservare la stabilità macroeconomica, rafforzare la resilienza del paese e rafforzare le condizioni necessarie per una crescita economica più incisiva attraverso un aggiustamento fiscale sostenuto per ridurre il debito a livelli più sicuri e riforme strutturali volte a stimolare l'occupazione e la crescita, migliorare la competitività e promuovere equità, equità e buon governo. "Il programma non ha anticipato le misure, ma è proceduto con un ritmo costante di consolidamento fiscale mirando, tra le altre cose, a sostenere la crescita economica inclusiva.Il Jordan Economic Growth Plan 2018-2022 mira a rilanciare la crescita e riprendere il potenziale di sviluppo della Giordania, e comprende strategie economiche, settoriali e fiscali che delineano la visione e le politiche relative a ciascun settore. "Un'attuazione efficace del piano nazionale di riforma e del piano di crescita economica dovrebbe portare la Giordania su un percorso di crescita sostenibile e assicurare la sua capacità di recupero di fronte alle sfide economiche e alle turbolenze regionali".Il settore bancario della Giordania è rimasto stabile di fronte alle turbolenze regionali.Il settore bancario giordano utilizza ottime tecnologie. La Central Bank of Jordan (CBJ) supporta le ultime tecnologie nel campo, inclusa la blockchain, che viene utilizzata in tutto il mondo. Blockchain, contribuirebbe a migliorare gli sforzi di inclusione finanziaria.Per quanto concerne le criptovalute come i Bitcoin, in Giordania alle banche è stato vietato di trattare con tali valute. (ICE AMMAN)