La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@BMWItalia @BMW è Partner Ufficiale del @teatroallascala di #Milano per lo speciale Concerto del 7 dicembre… https://t.co/2euw51TwGg
RT @ItalyMFA: "Pronto ed entusiasta di lavorare con l'#Algeria per affrontare le sfide comuni regionali e globali [...]" Buon lavoro a Gio…
5 Accordi per l’innovazione e di sviluppo. Dal @MISE_GOV 61 milioni di euro per progetti in #Campania, #Lombardiahttps://t.co/uSDdxJKcM6
@SACEgroup sostiene l’#automotive che rappresenta il 6,2% del Pil e il 7% dell’occupazione del manifatturiero nazi… https://t.co/2sFHy32Mlf
Andamento del settore #Automotive e trend dell’export. Continua la fase critica https://t.co/takL9c7sni’export-con… https://t.co/fEO34p223o

Nel 2017 le famiglie hanno aumentato la spesa per consumi finali (+2,5% in termini nominali) in misura superiore rispetto all'incremento del reddito disponibile (+1,7%); di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie scende al 7,8% (-0,7 punti percentuali rispetto al 2016). Per effetto dell'aumento dell'1,2% del deflatore dei

consumi privati, la crescita del reddito disponibile corrisponde a un incremento del potere di acquisto delle famiglie dello 0,6%, in rallentamento rispetto alle tendenze registrate nel biennio precedente.

Il tasso di profitto delle società non finanziarie nel 2017 scende al 41,7% (-0,7 punti percentuali rispetto al 2016) ed il tasso di investimento cresce al 21,1% (+0,9 punti percentuali). Le società finanziarie registrano una riduzione del valore aggiunto ai prezzi base (-1,4%).

Nel 2017 il prelievo fiscale dovuto alle imposte sulla produzione e a quelle correnti e in conto capitale ha inciso sul reddito disponibile delle famiglie per il 16,2%, su quello delle società non finanziarie per il 23,8% e su quello delle società finanziarie per il 18,6%. L'incidenza delle imposte sul reddito disponibile è diminuita per famiglie e società non finanziarie, mentre è aumentata per le società finanziarie.

Le società finanziarie registrano un miglioramento dell'accreditamento di 14 miliardi di euro rispetto al 2016, mentre per le società non finanziarie e per le famiglie risulta un peggioramento pari a, rispettivamente, 3 e 4 miliardi di euro. L'indebitamento delle amministrazioni pubbliche si riduce di 1,9 miliardi di euro, con un saldo pari a -39,7 miliardi di euro.

Per l'anno 2015 si propone una rappresentazione delle relazioni che intercorrono fra i settori istituzionali e sottendono alla formazione del loro reddito primario e di quello disponibile. Inoltre, per le famiglie, si analizza la composizione dei flussi economici connessi alla struttura del portafoglio finanziario fra il 2011 ed il 2016.