La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

L’insediamento di nuovi poli o superfici commerciali è diminuito del 23% nel 2017 sul continente europeo, per raggiungere i 3,8 milioni di metri quadrati creati, secondo un rapporto pubblicato dalla società di consulenza immobiliare Cushman & Wakefield. La superficie totale occupata dai centri commerciali europei ha

raggiunto la cifra di 166,5 milioni di metri quadrati all’inizio del 2018, per un aumento del 2,3% rispetto all’inizio del 2017. Per gli anni 2018 e 2019 è prevista la creazione di 6,6 milioni di metri quadrati, sulla base dei progetti di sviluppo finora annunciati.

La dinamica è diversa a seconda delle regioni: se in Europa occidentale si concentrano complessivamente 109,7 milioni di metri quadrati, essa registrerà ancora, per quanto riguarda le previsioni di apertura, un calo dei volumi del 21,3%, mentre l’Europa centro-orientale prevede una crescita del 12,3% (totalizzando per il momento 56,8 milioni di metri quadrati). Nel secondo semestre del 2017, per esempio, la Turchia è diventato il Paese più dinamico della zona, con 495.000 metri quadrati supplementari, davanti alla Russia (330.000 metri quadrati) e alla Polonia (298.000 metri quadrati). Quarta è la Francia, quinta la Spagna, sesta la Gran Bretagna e settimo il Portogallo.  (Fashion Network - ICE ISTANBUL)