La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Un totale di 105 investitori stranieri hanno chiesto alla Jordan Investment Commission (JIC) di ottenere la nazionalità giordana o la residenza permanente, segnando un aumento del 35% rispetto al mese precedente. Il Consiglio dei Ministri a febbraio ha stabilito quattro condizioni

per garantire la cittadinanza degli investitori o la residenza permanente, offrendo agli investitori una scelta tra diversi scenari. Uno scenario include un deposito di $ 1,5 milioni a tasso zero per cinque anni presso la CBJ, o l'acquisto di titoli del Tesoro valutati allo stesso importo a un tasso di interesse che sarà deciso dalla CBJ per un periodo non inferiore a 10 anni. La terza opzione per un investitore consiste nell'acquistare titoli, anch'essi dal valore di $ 1,5 milioni, da un portafoglio di investimenti attivo, mentre possono investire $ 1 milione in PMI per almeno cinque anni per ottenere la cittadinanza giordana. Il quarto scenario è un investimento di $ 2 milioni in qualsiasi sede del paese, o $ 1,5 milioni se il progetto è registrato in un governatorato diverso da Amman, a condizione che tale progetto crei almeno 20 opportunità di lavoro e resti operativo per almeno tre anni. Per ottenere la residenza permanente, qualsiasi cittadino non giordano può acquistare una proprietà non inferiore a JD200.000, a condizione che il Dipartimento Lands and Survey ne confermi il valore, e che per 10 anni non venga venduta e/o smaltita la proprietà`. (ICE AMMAN)