La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Un grande centro di terapia e riabilitazione tutto italiano è stato inaugurato nell'Emirato di Ajman, a nord di Dubai, nel complesso ospedaliero privato Thumbay alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia negli Emirati Liborio Stellino, del Console generale d’Italia a Dubai, Valentina Setta e dei vertici dell’Healthcare Authority di Dubai.

A gestirlo sarà un'eccellenza italiana Villa Beretta-Ospedale Valduce di Lecco. La struttura dotata di tecnologia italiana all'avanguardia, seguirà i pazienti con personale qualificato dell'ospedale lombardo, periodicamente in missione ad Ajman.  Alla realizzazione del centro riabilitativo si è giunti dopo varie visite del responsabile dell'ospedale Thumbay e del suo staff in Italia per visionare macchinari e ricevere informazioni sul ventaglio di tecnologie e terapie piu' appropriate da selezionare e importare. L'inaugurazione è stata anche l'occasione, per una giornata di studio, a cui hanno preso parte i vertici dell'Healthcare Authority di Dubai, curata dai medici del Valduce e rivolta al personale medico e paramedico impegnato negli Emirati Arabi in terapie di riabilitazione. E a dimostrazione del grande 'mercato' che gli Emirati rappresentano per la sanità italiana, poche settimane fa è stato sottoscritto sempre a Dubai 

un accordo tra il titolare del colosso NMC Healthcare, il magnate indiano Shetty, e il gruppo San Donato-San Raffaele per scambio di professionisti nel settore odontoiatrico negli EAU ed in India. E, infatti, cambiata la vocazione degli EAU da paese esportatore di pazienti all'estero a punto di riferimento sanitario non solo per i residenti ma anche per i Paesi limitrofi. I professionisti italiani della salute si confermano dunque veicoli fondamentali per accompagnare negli Emirati anche le eccellenze della nostra industria biomedica”.  (Farnesina)