La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Alla data del 30 settembre 2018, la Croazia ha versato all'UE ca. 2,3 miliardi di euro e ne ha ricevuto ca. 3,5 con un saldo positivo che ammonta a 1,2 miliardi di euro. Il Ministro per lo sviluppo regionale e i fondi UE, Gabrijela Žalac, rivela che l'obiettivo del Governo è quello di utilizzare il 60% o più dell'attuale dotazione finanziaria entro la

fine dell'anno, pari a 10,7 miliardi di euro. Attraverso l'impiego dei fondi europei, la Croazia mira soprattutto ad ottenere una riduzione delle disparità interne in termini di sviluppo delle regioni croate e l'adozione di misure già praticate dai paesi più sviluppati dell'Unione Europea le quali hanno dato buoni risultati in termini economici e sociali. Il surplus delle finanze pubbliche ammonta nei primi 6 mesi di quest'anno a 0,22 miliardi di euro. I fondi europei rappresentano attualmente l'80% degli investimenti pubblici in Croazia. (ICE ZAGABRIA - www.mrrfeu.hr)