La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Banca Centrale slovena ha rettificato le previsioni di crescita economica della Slovenia per il 2018, riducendole dal 4,6% al 4,2%; per il 2019 prevede un aumento del PIL pari al 3,4% (originariamente al 3,9%), mentre nel 2020 al 3,0% (precedentemente al 3,4%). La banca sottolinea che la Slovenia sta entrando in una fase “più moderata”

del ciclo economico, così come i principali partners economici di Lubiana; i rischi sarebbero connessi agli sviluppi in Italia ed in Francia, alla Brexit e all’accentuarsi dei provvedimenti protezionistici. Si prevede inoltre una diminuzione della disoccupazione, un aumento delle retribuzioni e una crescita dell’inflazione: dal 2,0%, previsto per quest’anno si passerebbe al 2,3% nel 2020. (ICE LUBIANA)