La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il volume delle importazioni e delle esportazioni della Cina ha toccato un massimo storico nel 2018, segno che l'economia ha mantenuto una crescita costante e positiva nonostante le crescenti incertezze esterne. Il commercio estero della Cina è aumentato del 9,7% annuo, realizzando un record di 30,51 trilioni di yuan

(circa 4,5 trilioni di dollari nel 2018).

Le esportazioni sono aumentate del 7,1%, mentre le importazioni sono cresciute del 12,9%, con un surplus commerciale di 2,33 trilioni di yuan. Il PIL è cresciuto del 6,7% nei primi tre trimestri del 2018, raggiungendo l’obiettivo del governo che era di circa il 6,5% per il 2018.

Gli scambi della Cina con l'Unione Europea, gli Stati Uniti e l'ASEAN sono aumentati del 7,9%, 5,7% e 11,2% rispettivamente, con un volume di scambi combinato pari al 41,2% del commercio estero totale della Cina. Il commercio con i paesi lungo la Belt and Road ha registrato una crescita superiore alla media, con un volume di scambi di 8,37 miliardi di yuan, in aumento del 13,3% su base annua. Le imprese private hanno svolto un ruolo più importante, rappresentando il 39,7% del commercio estero totale.

La crescita commerciale si è dimostrata equilibrata tra le regioni. Le regioni meno sviluppate, compresa la Cina centrale e occidentale e la Cina nordorientale, hanno superato la media nazionale.  (Ambasciata di Cina in Italia – Quotidiano del Popolo)