La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

#Russia #Olanda #Slovacchia una ricca offerta di #interviste di alto livello istituzionale nel numero pubblicato og… https://t.co/uJrtwejNY4
Prima pagina del nuovo numero. Rapporti Paese: #PaesiBassi #Russia link all'edicola online per acquistare le copie… https://t.co/OhWGG9HTne
Protocollo d’intesa #Abi #Assoconfidi per rilanciare la collaborazione tra #banche e #confidi sui territori https://t.co/9bBzxBUWql
Lunedì 25 marzo, nuovo numero di #TribunaEconomica Russia-Paesi Bassi. DOPPIA #ESCLUSIVA Amasciatore designato del… https://t.co/BllYlAjZox

La viceministra de Minas - Carolina Rojas Reyes – ha dichiarato che attualmente sono circa 8.000 le richieste in esame da parte delle autorità colombiane competenti per il rilascio dei permessi necessari per poter esplorare ed eventualmente estrarre minerali in potenziali giacimenti del Paese. Al momento le autorizzazioni

approvate sono 7.935, di cui solo il 2,35% sono coinvolte in concrete attività di sfruttamento in aree che complessivamente coprono circa 4 milioni di ettari, pari ad un'estensione simile a quello dell'intero distretto di Sucre. La viceministra ha evidenziato nel merito l’importanza dei permessi con i quali il Governo intende regolamentare il settore, al fine di frenare le attività illegali e il loro impatto negativo sull’ambiente. La Agencia Nacional Minera (ANM) in proposito ha evidenziato che il 41% dei minerali estratti corrispondono a materiali destinati al settore delle costruzioni, seguiti da oro e altri metalli preziosi, altri minerali, carbone e smeraldi. Sebbene l'industria mineraria colombiana attualmente incida appena nella misura del 2,1% nella formazione del Prodotto Interno Lordo nazionale, è ritenuta dal Governo un'attività prioritaria e con grandi potenzialità per lo sviluppo del Paese. Solo nell’ultimo anno il comparto ha generato per royalties introiti pari a oltre 805 milioni di USD - investiti in opere per lo sviluppo delle Regioni - e di cui la maggior parte proviene da società minerarie di piccole dimensioni. I grandi progetti minerari nel Paese sono gestiti da 28 società di cui gran parte appartengono a imprese straniere. (ICE BOGOTÀ)

 

 

 

EN IT