La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Departamento Administrativo Nacional de Estadísticas (DANE) ha reso noto che l'economia colombiana è cresciuta del 2,7% nel 2018, di cui l’1,7% è frutto delle performance positive ottenute da 3 gruppi di comparti: dall’amministrazione pubblica e della difesa, dell’istruzione e della sanità, seguito dal commercio, dai trasporti,

alloggio e servizi di ristorazione e infine dalle attività professionali, scientifiche e tecniche. Il DANE ha informato inoltre che nel periodo in esame, le attività estrattive hanno registrato una flessione dell’0,8% rispetto al 2017, evidenziando nello specifico che le estrazioni di petrolio e gas naturale, unitamente a quelle realizzate nelle miniere e nelle cave hanno conseguito risultati positivi, contrariamente all'estrazione di minerali, di carbone e di lignite e delle relative attività di sostegno, che hanno invece mostrato dei cali rispettivamente del 12,1%, del 6,7% e dello 0,8%. Il settore delle costruzioni è stato caratterizzato da una lieve crescita dello 0,3%, dovuta in gran parte alla minor realizzazione di immobili destinati ad abitazione o adibiti ad altri usi e alla diminuzione delle attività collegate al settore. A dispetto del buon risultato - del 5,5% - raggiunto del 2017, il settore dell’agricoltura, dell'allevamento, della pesca e della silvicoltura ha riportato nel 2018 una crescita modesta del 2,0%, nella quale si è contraddistinta la variazione positiva del 7,4% del settore della pesca e dell'acquacoltura e la contrazione del 2,8% della silvicoltura e dell’attività estrattiva del legno. (ICE BOGOTÀ)