La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Nel mese di febbraio 2019 il saldo del settore statale si è chiuso, in via provvisoria, con un fabbisogno di 9.700 milioni, in aumento di circa 3.300 milioni rispetto al risultato del corrispondente mese dello scorso anno (6.377 milioni). Il fabbisogno dei primi due mesi dell’anno in corso si attesta su 8.300 milioni, in aumento di 2.400 milioni

rispetto a quello registrato nel primo bimestre 2018. 

Commento Mef.  Nel confronto con il corrispondente mese del 2018, il saldo sconta una diminuzione degli incassi; a quest’ultima ha concorso in misura significativa la diminuzione delle entrate rivenienti dai modelli F24 per circa 2.600 milioni, dovuta quasi esclusivamente al rinvio - da febbraio a maggio - del termine per il pagamento dei premi INAIL in autoliquidazione 2018-19 (sulla base di quanto disposto dalla Legge di Bilancio per il 2019 al fine di consentire all’Istituto l’applicazione delle nuove tariffe dei premi oggetto di revisione).

Dal lato dei pagamenti si segnalano maggiori prelevamenti netti per circa 900 milioni dai conti di tesoreria intestati agli Enti territoriali e maggiori pagamenti da parte dell’INPS per circa 500 milioni. Si evidenziano minori pagamenti per interessi sul debito pubblico per 760 milioni.