La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

L’Associazione Bancaria Italiana e Assoconfidi hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa con il quale si intende rilanciare la collaborazione tra banche e confidi sui territori, al fine di migliorare le condizioni di finanziamento delle micro, piccole e medie imprese. L’impegno delle due associazioni è quello di lavorare insieme

per valorizzare l’attività e la garanzia dei Confidi, nel quadro del nuovo scenario disegnato dalla riforma del Fondo di garanzia per le Pmi e dalla diffusione degli schemi operativi delle garanzie di portafoglio. Per questo è anche prevista la costituzione di un tavolo di confronto, nel quale portare avanti le iniziative indicate nell’accordo e discutere gli eventuali nuovi temi di comune interesse. Tra i temi strategici oggetto dell’accordo ci sono in particolare: - Lo sviluppo delle cosiddette “operazioni finanziarie a rischio tripartito”, previste dalla riforma, del Fondo di garanzia delle PMI (nella realizzazione di tali operazioni sono coinvolte con una quota di rischio di pari importo, banche, confidi e Fondo di garanzia Pmi); - la definizione di linee guida per il rinnovo delle convenzioni in essere tra Banche e Confidi, che tengano conto del nuovo quadro normativo-regolamentare; - la promozione di un efficiente utilizzo delle risorse pubbliche e private anche attraverso modelli condivisi di finanziamento del Fondo di Garanzia per le Pmi come ad esempio le Sezioni speciali regionali; - la definizione di una struttura tipo di operazione di “garanzia di portafoglio” che preveda il coinvolgimento dei confidi e possa essere adottata dalle Regioni in relazione a portafogli di finanziamenti bancari a piccole e medie imprese; - lo sviluppo di un regolare scambio di flussi informativi tra banche e confidi, che consenta, in particolare, a questi ultimi di poter quantificare la propria esposizione al rischio di credito e adempiere correttamente agli obblighi segnaletici nei confronti dell’Autorità di Vigilanza.