La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Durante la fiera Biofach di Norimberga, sono stati presentati dalla presidentessa di BioAustria, Gertraud Grabmann, e dal direttore amministrativo di AMA-Marketing, Michael Blass, dei numeri positivi riguardanti la situazione del biologico in Austria. Attualmente infatti in Austria sono presenti 23.500 aziende a produzione biologica

(il 21,3% delle aziende agricole totali), per un totale di 17.000 ettari. La regione con la maggior percentuale di area coltivata a biologico sarebbe il Salisburghese, con un 58,5%, seguita dal Burgenland (33,8%), Vienna (32,3%) e Bassa Austria (21,5%). Inoltre, anche a livello europeo, secondo i dati dell’Eurostat, l’Austria si colloca in una buona posizione, dal momento che possiede il 5% delle terre coltivate a biologico di tutta l’Unione. Queste superfici sono aumentate di un 25% dal 2012 al 2017. Da un punto di vista del consumatore, il 9% dei prodotti freschi comprati dagli austriaci sono biologici, per una spesa annuale di circa 148 euro. I prodotti biologici maggiormente consumati sono uova e latte, seguiti da patate, frutta e verdura. fonte: Lebensmittel & Co data di pubblicazione: febbraio 2019 (ICE VIENNA - Lebansmittel & Co)