La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Gestore del sistema energetico ha firmato l’accordo di finanziamento con la Commissione europea per l’elettrodotto 400kV “Maritsa Iztok – Nea Santa.Il valore complessivo del progetto è di 58 milioni di euro e i contributi a fondo perduto sosterranno circa il 50% delle spese. Alla fine di gennaio il Comitato di coordinamento presso il

Meccanismo per collegare l’Europa ha deliberato lo stanziamento dei fondi per la realizzazione del tratto bulgaro dell’elettrodotto tra la sottostazione di Maritsa Iztok in Bulgaria e la sottostazione di Nea Santa in Grecia. La parte restante dei fondi necessari sarà a carico del gestore nazionale. L’elettrodotto che si realizza in partenariato tra i gestori dei due paesi limitrofi è lungo 152 km (123km in Bulgaria e 29 km in Grecia) con una capacità di 1500 МW. Il progetto è uno dei cinque progetti del gestore bulgaro che sono inclusi nell’Elenco dei progetti europei di interesse comune, conformemente al Regolamento 347/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio sugli orientamenti per le infrastrutture energetiche transeuropee. (ICE SOFIA)

 

 

l>