La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Slovenia esporta circa l’80% di quello che produce ed a febbraio le esportazioni sono aumentate del 12,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Dopo che il 2018 si è dimostrato un anno record - con un aumento dell’export pari al 9,2% rispetto al 2017 - è comunque

necessario aumentare ulteriormente il numero delle PMI esportatrici e raggiungere mercati più lontani, visto che attualmente oltre il 50% dell’export è rivolto verso Paesi nel raggio di 500 chilometri dalla Slovenia. Nell’illustrare questi dati, il Segretario di Stato allo Sviluppo Economico Aleš Cantarutti ha presentato il documento “Le sfide internazionali 2019-2020” nel corso della Conferenza sull’Internazionalizzazione slovena. Il ministero si concentrerà - attraverso una serie di incentivi - anche sul potenziamento degli investimenti diretti esteri, che ora raggiungono il 32% del PIL contro una media UE del 59%. L’odierno Slovenia Times, nel commentare l’intervento di Cantarutti alla conferenza, riporta che i servizi rappresentano solo il 20% delle esportazioni slovene sebbene contribuiscano al 65% del PIL del paese, e che esistono quindi molte opportunità commerciali in questo campo. (ICE LUBIANA)