La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo gli economisti della banca PKO BP, le esportazioni polacche raggiungeranno un valore di 235mld di euro nel 2019 (45,69% del PIL) e aumenteranno fino a 247,9mld di euro nel 2020, con un rapporto tra esportazioni e PIL del  47,04%. Nel 2018, sono state registrate vendite

estere di beni per 221mld di euro (44,44% del PIL). Gli esperti di PKO sottolineano che questo sviluppo è il risultato della coraggiosa espansione delle imprese polacche e della loro capacità di sfruttare le opportunità che si presentano sui mercati globali; questo, unito ad una prevedibile situazione di mercato favorevole, consentirà di mantenere un trend positivo per le esportazioni, con un ritmo di crescita superiore a quello del PIL: +6,3% nel 2019 e +5,5% nel 2020. Secondo la banca la maggior parte delle esportazioni polacche verrà indirizzata verso i paesi europei; tuttavia, anche i trend verso i paesi asiatici sono in aumento: in due anni il valore delle vendite in Asia dovrebbe aumentare da 11,6 mld di euro a oltre 13 mld. (ICE VARSAVIA)