La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Questa percentuale, in linea con la tendenza degli altri grandi vicini europei, nasconde una forte eterogeneità : il consumo dei beni manifatturieri é soddisfatto per il 64% dalle importazioni, una proporzione che supera l’85% per i beni fabbricati, di cui l’87% per i

tessili e l’abbigliamento. Le importazioni dei prodotti consumati in Francia provengono principalmente dalla Germania(13,0%), dagli Stati Uniti (8,0%), dalla Cina (7,7%), dal Regno Unito (6,7%), dalla Spagna (6,5%), dall’Italia (6,2%) e dal Belgio (5,4%). Tra il 2005 e il 2015, il consumo di prodotti di fabbricazione nazionale é diminuita di 1,9 punti in Francia, mentre la diminuzione media degli altri paesi OCSE é di un punto. (ICE PARIGI - FASHION NETWORK)