La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La globalizzazione crea molte opportunità ma pone anche delle sfide. L'UE ha sempre cercato di beneficiare dei vantaggi della globalizzazione riducendo allo stesso tempo i potenziali effetti negativi. Grazie al suo regime commerciale e agli accordi commerciali,

l’Unione europea è il partner economico principale di 80 paesi nel mondo e uno dei maggiori attori del mercato internazionale, insieme agli Stati Uniti e alla Cina. Le sue esportazioni rappresentano oltre il 15% delle esportazioni globali. Più dell'80% degli esportatori europei sono piccole e medie imprese (PMI).

Le esportazioni di beni e servizi dell'UE sono cresciute da circa 1.160 miliardi di euro nel 2000 a 2.900 miliardi di euro nel 2018. Nel 2017 le esportazioni verso la Corea del Sud sono aumentate di oltre il 12%, verso la Colombia di oltre il 10% e verso Canada sono del 7 %.

Opportunità di lavoro.   Nel 2017 le esportazioni hanno garantito un lavoro a oltre 36 milioni di persone e quindi ad un lavoratore europeo su sette. Per ogni miliardo di euro generati dalle esportazioni, si creano in media 13.000 posti di lavoro all'interno dell'Unione europea.

Ad esempio le esportazioni dall'Italia verso paesi al di fuori dell'UE garantiscono 2,7 milioni di posti di lavoro in Italia. Ciò significa che il 13% dei lavoratori in Italia dipende dalle esportazioni dell'UE.

Inoltre la maggior parte di questi lavori legati alle esportazioni sono ben pagati, con una media di ingressi del 12% in più rispetto ad altri lavori.

Vantaggi per i consumatori.   I benefici della globalizzazione e del commercio internazionale per il consumatore sono legati alle importazioni. Gli accordi commerciali garantiscono tasse più basse per gli importatori. Ciò comporta maggiore concorrenza e dunque prezzi più bassi sia per i beni materiali (abbigliamento, smartphone, televisori, software, auto ecc.) che per i servizi.

I consumatori possono anche beneficiare di una scelta più ampia, poiché aumenta la varietà di prodotti e servizi. I consumatori europei risparmiano circa 600 euro all'anno grazie alla maggiore scelta di merci e ai prezzi più bassi.

Vantaggi del commercio intra-UE.  Il mercato unico mira a rimuovere gli ostacoli agli scambi commerciali tra i paesi dell'UE e rappresenta la più grande area economica senza barriere al mondo. Quest'area comprende oltre 500 milioni di cittadini con un prodotto interno lordo di circa 13.000 miliardi di euro. Si stima che il mercato unico abbia creato 2,8 milioni di posti di lavoro.