La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo Bankitalia, nel secondo semestre del 2018 la domanda di credito da parte delle imprese si è stabilizzata, dopo un quadriennio di crescita. Le richieste di prestiti sono lievemente aumentate soltanto nel Nord Est, si sono mantenute invariate al Nord Ovest e

sono leggermente diminuite al Centro Sud. La domanda è stata indirizzata prevalentemente al sostegno del capitale circolante, mentre quella destinata agli investimenti produttivi e al consolidamento delle posizioni debitorie in essere si è leggermente ridotta.  Nella seconda metà del 2018 si è interrotta la fase di allentamento dei criteri di offerta alle imprese dell’industria e dei servizi in atto dal 2014, con segnali di lieve inasprimento in tutte le ripartizioni territoriali; anche le condizioni di accesso al credito per l’edilizia, già restrittive, si sono ulteriormente irrigidite.

Per i primi cinque gruppi bancari, l’inasprimento si è realizzato prevalentemente attraverso il calo delle quantità offerte, più marcato al Centro Sud; per gli altri intermediari l’irrigidimento è avvenuto, in tutte le aree, soprattutto attraverso l’aumento degli spread applicati alle imprese più rischiose.  La domanda di mutui per l’acquisto di abitazioni da parte delle famiglie è ancora cresciuta, in modo più intenso nelle regioni settentrionali, mentre la domanda di credito al consumo è rimasta invariata nel Nord Ovest e si è contratta nelle altre aree.

Dal lato dell’offerta, le condizioni applicate ai prestiti alle famiglie sono rimaste stazionarie; anche la durata e il rapporto tra finanziamento e valore dell’immobile (loan-to-value ratio) delle nuove erogazioni di mutui non hanno subito variazioni di rilievo.  Le famiglie hanno mostrato una preferenza per il mantenimento di fondi sotto forma di depositi, mentre si è interrotta l’espansione delle richieste delle quote di fondi comuni. In tutte le aree, le remunerazioni offerte dalle banche sui depositi sono rimaste pressoché stabili mentre quelle sulle obbligazioni bancarie hanno ripreso a crescere dopo una prolungata fase di riduzione.