La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Principe ereditario Moulay Hassan, in rappresentanza del Re Mohammed VI ha inaugurato lo scorso venerdi' 28 giugno, il Porto Tanger Med II, con una capacità doppia rispetto a Tanger Med I. Esso costituisce la terza fase di sviluppo del complesso portuale e la sua

capacità nominale totale sarà di circa 6 milioni di EVP.L'investimento pubblico in infrastrutture è dell'ordine di 14 miliardi di Dirham (DH); e l'operatore APM -Maersk , che gestisce il terminal TC4, ha investito 10 miliardi di DH. Questa nuova infrastruttura porterà la capacità totale dei terminali per container del complesso a 9 milioni di EVP, rendendo Tanger Med uno dei più importanti hub di trasbordo nell'Atlantico e nel Mediterraneo,  tra i primi 20 porti container a livello mondiale; e tutto questo, unito al prossimo avvio della città Mohammed VI Tanger Tech,  rappresenta un ulteriore acceleratore per lo sviluppo della regione di Tangeri .

I lavori di Tanger Med II sono iniziati nel maggio 2010 e sono stati realizzati in due fasi: la prima, terminata nel 2016, con le infrastrutture di base, fra cui la diga principale e i primi 1200 metri lineari di banchine; la seconda, con i nuovi moli su 1600 metri lineari e la diga secondaria. Con una capacità di accoglienza a banchina di 7 mega porta container, il porto totalizzerà alla fine 2.8 Km di banchine con profondità fino a 18 metri. Nel corso dell'inaugurazione, è stato rivelato un nuovo programma di investimenti, per 9 miliardi di Dirham, di cui 3 per l'estensione del porto passeggeri e roll-on roll-off per il trattamento di un maggior numero di camion di trasporto internazionale su strada; e 6 miliardi per aprire nuove zone di facilitazione import-export, parchi, piattaforme logistiche e interporti.

Dall'avvio,  88 miliardi di DH sono stati investiti nel complesso portuale Tanger Med, di cui 53 dal settore privato. Cio' che ha permesso al Marocco di essere classificato 17° nella classifica mondiale dell'UNCTAD per la connettività marittima. Questi investimenti hanno reso possibile l'installazione di 912 imprese in attività e la creazione di 75.000 impieghi diretti. Tanger Med è divenuto la prima porta di entrata con 2.8 milioni di passeggeri nel 2018; la più importante piattaforma di trattamento dei flussi import-export in Marocco, con 317 miliardi di DH nel 2018; e infine primo porto africano certificato Eco Porto, per il rispetto delle norme ambientali. (ICE CASABLANCA - Médias 24)