La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Le autorità di Argentina e Cile hanno ratificato i vincoli di cooperazione e avanzato i meccanismi che consentono di facilitare lo sviluppo di progetti minerari, nel quadro della riunione della commissione amministrativa del trattato sull’integrazione e la complementazione

mineraria tra i due paesi. I gruppi di lavoro della Commissione amministrativa del trattato sono formati, nel caso dell’Argentina, dal Segretario della política mineraria del Ministero della produzione e del lavoro della nazione, da Carolina Sánchez e dalla Direzione delle relazioni economiche per le Americhe degli Affari Esteri e Culto della Cancelleria, Gustavo Infante. Il Sottosegretario delle Minerie ha partecipato in Cile, guidato da Pablo Terrazas; e dal Minisero degli Affari Esteri, Assistente del Sottosegretario, l’Ambasciatore Ricardo Rojas. Sono state stabilite le linee guida di una procedura interna per unificare l’approvazione delle aree di confine tra idue paesi, attraverso l’intervento precoce della Commissione sui confini misti. L’obiettivo del trattato minerario tra Argentina e Cile é promuovere l’integrazione física e la cooperazione económica. In questo senso, entrambi i paesi si sono impegnati a lavorare sull’agevolazione delle frontiere con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo del settore minerario, consentiré l’accesso e l’uscita dalle aree operative di entrambi i territorio e consentiré l’uso di risorse naturali, input e infrastrutture secondo quanto stabilito dalle squadre di specialisti tecnici. (ICE BUENOS AIRES - EL INVERSOR)