La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Nonostante la produzione farmaceutica svizzera risulti la prima in Europa, con un fatturato di oltre 46 miliardi di euro nel 2018, l'Italia si attesta come il più grande produttore farmaceutico dell'UE, con un fatturato di 32 miliardi di euro nel 2018, superando la Germania,

secondo le stime dell'associazione Farmindustria. Negli ultimi cinque anni, grazie ad una crescita della produzione italiana del + 20%, è avvenuto un forte sviluppo delle esportazioni. Dal 1997 al 2018, sono passate da 4,5 a 26 miliardi di euro.   

Nel primo semestre 2019 si sono registrati degli importanti contributi positivi alla crescita dell'export farmaceutico italiano; in particolare i mercati trainanti per le vendite italiane di farmaci sono la Svizzera, la Germania e la Francia. La Svizzera ha registrato un +13.7% tendenziale in euro, portando il cumulato annuo a superare i 2.7 miliardi di euro, grazie soprattutto alle performance delle industrie delle regioni Lombardia e Campania (ExportPlanning -MarketBarometer).   (ICE BERNA - Neue Zurcher Zeitung)