La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La Corporazione di Sviluppo Tecnologico di Beni di Capitale (CBC dalle sigle in spagnolo) con sede in Cile ha pubblicato quali saranno gli investimenti nel quinquennio (2019-2023) in termini di energia, idrocarburi e mineraria in cinque Paesi del continente:

Argentina, Chile, Colombia, Ecuador e Perù. D’accordo alla pubblicazione Argentina sarebbe alla testa con investimenti stimati in 61.000 milioni di dollari, dei quali 24.488 milioni nel settore minerario (anche nel primo posto).

Ci sono dei minerali che sono importanti per le nuove tecnologie. I lantanoidi e attinoidi, chiamati anche “terre rare”, sono fondamentali per lo sviluppo dei veicoli ibridi, le lampade di basso consumo, la fibbra ottica, dispositivi mobili e turbine eoliche, oltre a leghe per baterie in generale, calamite e dispositivi per visione notturna. L’accordo UE - Mercosud da una priorità all’approvvigionamento di questi minerali considerati strategici e presenti in varie province del nord argentino. Specificamente a San Luis, Córdoba e Santiago del Estero è stato accertato l’esistenza di Cadmio - Cd (anche se non è un lantanoide è considerato tra i nuovi minerali strategici), Praseodimio - Pr, Cerio - Ce, Samario - Sm, Lantano - La e Neodimio - Nd.