La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) è lo strumento individuato dal Governo per accelerare la realizzazione di progetti strategici, tra loro funzionalmente connessi, di valorizzazione di quei territori della penisola deficitari sul versante

della dotazione infrastrutturale e delle dinamiche dello sviluppo. In sintesi, il Cis è un intervento normativo che accelera, moltiplica, rende convergenti le esigenze della domanda del territorio con l’offerta di sviluppo. Rientrano in tale ambito i progetti di infrastrutturazione, sviluppo economico, produttivo e imprenditoriale, turismo, cultura e valorizzazione delle risorse naturali, ambiente, occupazione e inclusione sociale.

"Le zone disagiate hanno bisogno di uno stimolo, di un intervento anche del Governo centrale. Bisogna fare sistema. In questo sistema sono coinvolti tutti gli attori pubblici, a partire dalla Presidenza del Consiglio, dal Governo, dagli Enti locali, ma anche quelli privati, in sinergia" ha dichiarato il Presidente Conte in occasione della presentazione dei Contratti istituzionali di Sviluppo a Campobasso lo scorso febbraio. "La Presidenza del Consiglio ha la funzione di stimolare progetti locali, radicati sul territorio, sostenibili, per incrementare la crescita economica e lo sviluppo sociale del territorio".

Proprio per questo, su impulso del Presidente del Consiglio, da novembre 2018 si sono svolti una serie di incontri tra Governo, Invitalia (soggetto attuatore dei Cis) e gli attori del territorio della provincia di Foggia; incontri che hanno poi portato alla firma, il 13 agosto scorso, delContratto Istituzionale di sviluppo per la Capitanata. Quello di Foggia, è considerato dal Presidente Conte "un progetto pilota, da replicare anche in altre aree disagiate della penisola", particolarmente bisognose e spesso sinora trascurate. Il 2 ottobre a Cagliari, il Presidente ha quindi incontrato i rappresentanti delle istituzioni locali per avviare il Cis per la Città Metropolitana di Cagliari e la Provincia del Sud Sardegna e l'11 ottobre a Campobasso per la cerimonia di firma del CIS Molise.

Per quanto riguarda il Cis per l'area della Basilicata, dopo un primo incontro a Potenza (11 febbraio 2018) con i rappresentanti delle Istituzioni locali, enti territoriali e stakeholders, si sono svolte a alcune riunioni tecniche propedeutiche alla firma del Dpcm che istituirà il Tavolo istituzionale per l’approvazione dei progetti.

Gli interventi finanziabili a valere sul Cis sono infatti individuati, tra quelli proposti dagli stakeholder locali e raccolti da Invitalia, da un Tavolo Istituzionale, costituito ad hoc e presieduto dal Presidente del Consiglio dei Ministri. Il Tavolo, oltre ad individuare gli interventi, ha il compito di condividere/integrare la
strategia di programma, definire i criteri di selezione degli interventi e il fabbisogno finanziario. Il passo successivo è la sottoscrizione del Cis e l'avvio degli interventi.