La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Sottosegretario agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Ivan Scalfarotto, ha partecipato in Georgia, a Tbilisi, al Silk Road Forum. Il forum, che ospita circa 2.000 partecipanti, tra rappresentanti di Governi, Organizzazioni Internazionali,

impresa e società civile, vuole esaminare il panorama in evoluzione del commercio globale, le opportunità emergenti per migliorare i collegamenti di trasporto e energetici nell'ambito della Nuova Via della Seta."La Georgia è la sede naturale per un forum sulla via della seta e l'Italia un partecipante naturale con il sesto surplus commerciale al mondo e da sempre un terminale della Silk Road" - ha affermato Scalfarotto - “In un momento in cui il commercio internazionale sta affrontando sfide inedite, è importante fornire opportunità di dialogo tra Stati, ma anche imprese private e società civile, per sviluppare soluzioni inclusive e efficaci”.

A margine dell’evento, il Sottosegretario ha avuto una serie di incontri bilaterali con le autorità georgiane, tra cui il Vice Primo Ministro e Ministro delle Infrastrutture e Sviluppo Regionale, Maya Tkitishvili, la Ministra dell’Economia e dello Sviluppo sostenibile Natela Turnava ed il Vice Ministro degli Esteri Alexander Khvtisiashvili. Negli incontri, è stata riaffermata la centralità delle relazioni politiche con la Georgia, Paese amico e partner sia per l’Italia, che per l'UE e la NATO. Particolare importanza hanno le relazioni economiche bilaterali con un interscambio commerciale in costante crescita (+30% nell’ultimo decennio) e una presenza sempre più qualificata delle imprese italiane in particolare nel settore infrastrutturale.   (Farnesina)