La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

A settembre 2019 le esportazioni italiane sono aumentate del +6,2% rispetto allo stesso periodo del 2018. Ancora una volta, le esportazioni crescono più delle altre componenti del PIL. Dopo il record del 2017, anche quest’anno, tra gennaio e settembre,

il saldo della nostra bilancia commerciale risulta positivo per oltre 35 miliardi di euro.

I mercati dove la crescita dell’export italiano è più rilevante sono quelli extra-UE, primo fra tutti il Giappone. Già nei primissimi mesi di attuazione dell’accordo di partenariato economico UE-Giappone, le esportazioni italiane sono cresciute del +20,2%.

I settori trainanti sono la farmaceutica (+29,2%), la concia delle pelli (+9,3%), l’abbigliamento (+7,1%) e i prodotti alimentari, bevande e tabacco (+7%). Nel caso particolare del settore agro-alimentare, vi è stata in questi anni una forte campagna promozionale del Governo italiano e del sistema imprenditoriale; tra le iniziative di successo la Settimana della cucina italiana nel mondo, giunta alla IV edizione nel 2019.

 

Questi dati sono particolarmente incoraggianti, se consideriamo il difficile contesto internazionale e le tensioni protezionistiche che hanno attraversato il mercato globale. La diplomazia economica è sempre più al centro dell’azione della Farnesina, in coerenza anche con la recente riforma, che ha razionalizzato le competenze in materie di commercio estero, promozione e internazionalizzazione del sistema economico.  (Farnesina)