La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Cattive notizie sul fronte dei rapporti commerciali e turistici con la Corea del Sud mettono in dubbio il raggiungimento dell'obiettivo del governo giapponese di attirare 40 milioni di turisti in Giappone nel 2020. Le cifre - rese note il 20 novembre -

mostrano che il numero dei turisti sudcoreani che hanno visitato il Giappone in ottobre è diminuito del 65,5% rispetto allo stesso mese di un anno fa. Anche le esportazioni sono scese del 23,1%.

La percentuale dei cali in questi due settori giunge dopo i ribassi, rispettivamente del 58,1% e del 15,9%, di settembre. Inizialmente il calo era scaturito in seguito alla decisione del Giappone, di luglio, di limitare le esportazioni di alcune materie chimiche verso la Corea del Sud. Ciò ha fatto precipitare le relazioni bilaterali ai minimi storici, con un enorme impatto sull'economia nazionale. Nel 2018, i turisti sudcoreani sono stati 7,53 milioni, ovvero il 24% del totale.

Tuttavia, rispetto allo stesso mese di quell'anno, il calo percentuale dei visitatori sudcoreani è stato del 48% in agosto, del 58,1% in settembre e del 65,5% in ottobre. Il ribasso non mostra segni di rallentamento. Alla luce di ciò, un funzionario giapponese ha dichiarato che l'obiettivo del governo di attirare 40 milioni di turisti stranieri nel 2020, quando si terranno le Olimpiadi di Tokyo, potrebbe rivelarsi ora difficile da raggiungere. Anche il numero dei voli di linea, da fine ottobre a inizio novembre, è sceso di circa il 40% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Dal punto di vista degli scambi commerciali, in ottobre le spedizioni di birra e generi alimentari verso la Corea del Sud sono diminuite del 58,1% rispetto allo stesso mese del 2018, mentre le esportazioni di automobili sono diminuite del 70,7%. (ICE TOKYO)