La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo il Ministero dell'Economia della Federazione Russa durante i primi sei mesi del 2020 continuerà la tendenza di rafforzamento del rublo e sarà consolidata l'inflazione al di sotto del 3%. I suddetti dati sono stati riportati nello studio "Prospettive di credito", elaborato

dal Ministero, dove si sottolinea che il mantenimento del livello dei tassi di credito e l'attuazione degli attuali parametri di bilancio contribuiranno al rafforzamento della valuta nazionale. Secondo i dati di novembre 2019, l'offerta totale di prestiti rimane bassa, ha aggiunto il Ministero dell'Economia. "Quest'anno, il volume delle spese del bilancio federale mostrerà una crescita elevata nella prima metà dell'anno, ma già nella seconda, pur mantenendo il livello di disavanzo pianificato, questi tassi di crescita saranno vicini allo zero", si legge nello studio.  Il ministro dell’Economia Maxim Oreshkin aveva dichiarato in passato che il rafforzamento del rublo non è sempre motivo di ottimismo, dal momento che tale circostanza può anche essere il segnale di una bassa domanda. (ICE MOSCA)