La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Misure e incentivi per le imprese per tutelare marchi, brevetti e disegni e, dunque, il nostro Made in Italy sono stati presentati in Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, dal Viceministro dello Sviluppo economico Stefano Buffagni,

insieme al Presidente della Camera Carlo Sangalli. La proprietà intellettuale è un tema trasversale, con un alto potenziale di controversie, che spesso non vanno in giudizio, perché le parti, per motivi di riservatezza, questioni di tutela di immagine e esigenze nella rapidità della decisione finale, tendono a negoziare.

Materie: risoluzione del contratto di licenza e distribuzione del marchio e del know-how, diritto di esclusiva, violazione del diritto d’autore, confondibilità dei marchi, tutela del design, coesistenza di marchi sono alcune delle materie del contendere, gestite con i servizi di arbitrato e mediazione dalla Camera Arbitrale di Milano, società in-house della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi.  

Gli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie in queste materie sono ad oggi ancora poco conosciuti e quindi poco diffusi, ma quando vengono utilizzati dagli avvocati e dalle parti i risultati sono positivi.

Dati: in 5 anni (2014-2018) sono 25 i casi di mediazione in materia di proprietà intellettuale (l’accordo è avvenuto nel 42% dei casi; tempo minimo dell’accordo 24h in un caso di diritto di privativa per lo sfruttamento di un’immagine, tempo massimo 1 anno per coesistenza di marchi). 952 mila euro è il valore medio delle controversie in mediazione.

Sono 22 i casi di arbitrato in materia di proprietà intellettuale, nel 40% dei casi si è trattato di un arbitrato internazionale (con almeno una delle parti straniera), 1 arbitrato su 4 in lingua inglese.

Proprietà intellettuale e arbitrato e mediazione hanno un forte legame, come si vede anche dalle relazioni che intercorrono tra Camera Arbitrale di Milano con gli organismi europei e internazionali in materia di tutela di marchi e brevetti. Camera Arbitrale ha un proprio rappresentante nello Stakeholders advisory board di EUIPO (l'ufficio dell'Unione Europea per la proprietà intellettuale, incaricato di gestire i marchi dell'Unione europea e i disegni e modelli comunitari registrati).

Il prossimo 23 gennaio si tiene in Camera di commercio la prima Conferenza Camera Arbitrale di Milano e il Centro Arbitrato e Mediazione dell'WIPO (organizzazione mondiale su IP). Affronteranno il tema della protezione dei diritti di proprietà intellettuale in un mercato globalizzato, in particolare per i titolari di proprietà intellettuale italiani ed europei che muovono i primi passi verso l'internazionalizzazione.