La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Online il nuovo rapporto trimestrale di monitoraggio dedicato al programma Italia Startup Visa (ISV), schema di migrant entrepreneurship curato dal Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con i Ministeri degli Esteri e dell’Interno, per

potenziare l’ecosistema nazionale dell’innovazione.

Attivo dal 2014, ISV prevede una procedura di concessione del visto per lavoro autonomo semplificata, digitale e bilingue a beneficio dei cittadini non UE che intendono avviare, individualmente o in team, un’impresa innovativa in Italia.

Le candidature sono valutate da un Comitato di esperti, presieduto dal Direttore Generale per la Politica Industriale del MISE. È composto dai presidenti di cinque organizzazioni chiave dell’ecosistema nazionale dell’innovazione: PNICube per gli incubatori universitari, IBAN per i business angel, AIFI per i fondi di venture capital, APSTI per i parchi scientifici e tecnologici, NetVal per gli uffici di trasferimento tecnologico.

Al 31 dicembre 2019 si registrano 481 candidature, provenienti da 49 Paesi, con un tasso di approvazione del 51,9%. La Russia continua a guidare la classifica dei Paesi più rappresentati, in termini sia di domande pervenute (107) che approvate (73).