La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

L’indice dei prezzi alla produzione e all’importazione (IPP) ha fatto registrare nel corso del 2019 una diminuzione  del  -1,4%, secondo l’Ufficio federale di statistica (UST). A titolo comparativo, era di +2,4% nel 2018 e di +0,9% nel 2017. L’IPP si è attestato a 100,7 punti

alla fine del 2019 (valore di riferimento dicembre 2015 = 100). Si tratta di 1,8 punti in meno rispetto allo stesso periodo del 2018. Sull’esercizio 2019, il livello dei prezzi dell’offerta totale di prodotti locali e di prodotti importati è diminuito dell’1,7%.La tendenza attuale si deve principalmente ad una diminuzione dei prezzi per i prodotti farmaceutici, i rottami di ferro, i prodotti petroliferi e i metalli e semilavorati in metallo. Il prezzo dei prodotti locali è calato dello 0,8% nel 2019 e quello dei prodotti importati del 2,5%. . L’aumento è più marcato per i prodotti importati (+0,2%) che per la produzione locale (+0,1%).  Pubblicato mensilmente, l’IPP è uno strumento il cui scopo è l’osservazione della situazione dei prezzi dei beni e dei servizi prodotti in Svizzera. Esso permette anche di analizzare l’evoluzione dell’offerta e della domanda e l’effetto dei diversi fattori (condizioni quadro, interdipendenza economica, tasso di cambio, produttività).    (ICE BERNA - Portale PMI)