La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha siglato  con il Primo Ministro della Serbia, Ana Brnabic, un accordo di collaborazione per lo sviluppo economico, sociale e culturale reciproco volto a  rafforzare legami storici, ma soprattutto gia’

significative relazioni commerciali. La firma dell'accordo e’ l’esito della visita in Veneto del 16 dicembre 2016 dell'allora Primo Ministro, oggi Presidente della Serbia, Vucic, seguito da una delegazione composta da rappresentanti  del Governo serbo, della Camera di Commercio e di Organismi economici. “Con questa firma rafforziamo il legame e la sinergia tra la nostra regione e la Serbia – commenta il Governatore – paese con un'economia sviluppata e con una vasta rete di relazioni commerciali che favorirà lo scambio di buone pratiche con altre entità regionali dell'Europa centro orientale. Sono certo che l’atto faciliterà  l’interscambio di buone pratiche nelle istituzioni di ricerca, istruzione, scienza e tecnologia e nelle università.

La firma apre nuove opportunità alle piccole e medie imprese, in particolare quelle che formano distretti produttivi, così come nell’agricoltura, nel campo agroalimentare e vitivinicolo. Favorirà inoltre iniziative reciproche nel sistema sanitario e sociale, nel turismo, nello sport e nelle politiche giovanili, nella formazione professionale ed istruzione. Non ultimo si gettano le basi per progetti legati ai beni culturali ed ambientali e lo sviluppo di progetti legati alle fonti energetiche, con un occhio di riguardo a quelle rinnovabili”. Gli accordi inclusi nel protocollo saranno sostenuti economicamente con fondi propri e con contributi che si renderanno disponibili nell'ambito della programmazione dell'Unione Europea. L’accordo, che dovrebbe durare cinque anni consentirà di promuovere progettualità comuni favorendo la partecipazione di Enti, istituzioni, organismi ed Associazioni dei rispettivi territori. (ICE BELGRADO)