La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Un seminario sul tema della cooperazione economica, industriale e finanziaria tra la Russia e gli altri Paesi europei, con un focus sull’innovazione e le prospettive ad essa legate per le relazioni politiche ed economiche internazionali. “Russia ed Europa: prospettive innovative per la cooperazione economica” è l’iniziativa che si è svolta

lunedì 10 febbraio, a Mosca, nella sede della Camera di Commercio e dell’Industria della Federazione Russa. A intervenire, in un panel di autorevoli relatori, imprenditori e banchieri, rappresentanti istituzionali e diplomatici.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione Conoscere Eurasia e dalla Camera di Commercio e Industria della Federazione Russa, con il sostegno di Banca Intesa, della Fondazione Roscongress, del Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo, in collaborazione con Association of European Businesses, l’Unione Russa degli Industriali e Imprenditori, l’Associazione degli Imprenditori Italiani in Russia GIM Unimpresa.

I rapporti commerciali e gli investimenti diretti tra la Russia e l’Europa, nello scacchiere geopolitico, risultano essere intensi: da un lato, il “Vecchio Continente” rappresenta un luogo di attrazione della vita economica russa; dall’altro, la Federazione Russa, terzo partner commerciale dell’Unione Europea, si conferma un mercato di riferimento fertile e virtuoso per le produzioni europee, senza dimenticare lo scambio energetico.

Due le sessioni del seminario, la prima incentrata sull’utilizzo delle tecnologie innovative per creare una produzione altamente efficiente; la seconda ha dato voce alle istituzioni finanziarie con un focus sul loro ruolo nelle attività delle imprese altamente tecnologiche.

Il primo seminario internazionale di Mosca, con oltre quindici protagonisti, si è rivelato un’ulteriore occasione di confronto e dibattito sul presente e il futuro della cooperazione economica tra la Russia e Paesi europei, con la condivisione di buone pratiche, idee e programmi.